Prevenzione usura - AGISA Onlus

Coordinamento sportelli di aiuto per la prevenzione dell’usura

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cosa devo fare per cancellare un protesto

Email Stampa PDF

CANCELLAZIONE PROTESTI

Il protesto è un atto autentico che indica la manca accettazione di una tratta o il mancato pagamento di una cambiale o di un assegno.

TRATTA/CAMBIALE:

E’ possibile ottenere la cancellazione del protesto nei seguenti casi:

  1. Avvenuto pagamento della cambiale/tratta entro 12 mesi dalla levata del protesto;
  2. Cancellazione per erroneità od illegittimità del protesto;
  3. Ottenimento della riabilitazione da parte del Tribunale in base a quanto previsto dall’art. 17 della L. 108/96. Per poter chiedere la riabilitazione deve essere trascorso un anno dalla data dell’ultimo protesto.

 CANCELLAZIONE PROTESTO PER AVVENUTO PAGAMENTO DEL TITOLO

È necessario presentare domanda al Presidente della Camera di Commercio di competenza tramite apposito modulo. La domanda è soggetta ad un bollo di 14,62€ ed è dovuto un diritto di segreteria di 8,00€.

Alla domanda andranno allegati il titolo in originale, atto di protesto e la quietanza di pagamento che deve indicare sia l’importo originale del debito che gli interessi e le spese.

Nel caso in cui il soggetto protestato non riesca a rintracciare il portatore del titolo per effettuare il pagamento, può costituire un deposito vincolato con l’esplicita indicazione dello scopo del pagamento del titolo. In questo caso, alla domanda, andrà allegato anche un certificato della banca che attesti l’esistenza del deposito vincolato.

Accertata la regolarità e la completezza della documentazione presentata, la cancellazione del nominativo viene disposta entro 20 giorni dalla presentazione dell’istanza di cancellazione ed effettuata entro 5 giorni dalla data del provvedimento

N.B: nel caso il pagamento del titolo avvenga oltre l’anno dalla levata del protesto, non è possibile richiedere la cancellazione dei dati dal Registro Informatico dei Protesti, ma solo l’annotazione dell’avvento pagamento, allegando all’apposita domanda la documentazione attestante il pagamento e la marca da bollo da 14,62€. 

CANCELLAZIONE PER ILLEGITTIMITA’ OD ERRONEITA’ DEL PROTESTO

In questo caso bisogna allegare all’apposita domanda di cancellazione tutta la documentazione comprovante l’illegittimità o l’erroneità della levata del protesto.

 CANCELLAZIONE PER RIABILITAZIONE

È possibile ottenere la cancellazione del protesto nel caso in cui il soggetto abbia ottenuto la Riabilitazione dal Presidente del Tribunale ai sensi dell’art. 17 della L. 108/96. Alla domanda di cancellazione bisognerà quindi allegare anche la copia conforme del provvedimento di riabilitazione. La cancellazione avverrà solo nel caso in cui il soggetto non abbia avuto altri protesti.

ASSEGNI

È possibile ottenere la cancellazione del protesto nei seguenti casi:

  1. Cancellazione per erroneità od illegittimità del protesto;
  2. Riabilitazione del debitore protestato da parte del Tribunale competente.

In entrambi questi casi la procedura da seguire è la stessa che per le cambiali/tratta.

 



Questo sito fornisce informazioni utili a:
persone indebitate, professionisti e non; chi ha problemi di accesso al credito bancario; chi è ricorso all'usura e cerca di liberarsene; chi, avendone i requisiti, debba fare richiesta di accesso al fondo di solidarietà e al fondo di prevenzione; e chi, avendone già fatto richiesta, voglia essere seguito attraverso l'iter burocratico.

Spot realizzato con il contributo della
Regione Lazio.



Attivo dal Lunedì al Venerdì

dalle ore 8.15 alle 16.30



Progetti, attività, legislazione ed iniziative della Regione Lazio per la lotta all'usura ed al sovraindebitamento nel territorio laziale.