Prevenzione usura - AGISA Onlus

Coordinamento sportelli di aiuto per la prevenzione dell’usura

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dal congresso dei commercialisti proposte per uscire dalla crisi

Email Stampa PDF

(tratto da ilsole24ore.it del 19.10.2010)

Dal congresso dei commercialisti proposte concrete su fisco e imprese per uscire dalla crisi

Il filo lo rosso è quello dell'impegno civile e della responsabilità professionale. Contro il pregiudizio collettivo che talvolta associa il commercialista a un «consulente» dell'evasore fiscale. Invece, quattro progetti di legge per tutelare il contribuente ed evitare il ricorso facile ai condoni, sul credito alle pmi, le società professionali e i fallimenti delle persone fisiche.

È denso il programma che animerà il secondo congresso dei dottori commercialisti e degli esperti contabili che si apre giovedì 21 ottobre e chiuderà i battenti sabato 23 a Napoli, nei padiglioni della Mostra d'Oltremare. Tre giorni di dibattiti su fisco, economia, federalismo, green economy, conciliazione e mediazione civile, controllo legale dei conti e riforma delle libere professioni, ai quali parteciperanno politici ed esperti nazionali e internazionali, come l'economista e premio nobel Amartya Sen.

 

Il titolo scelto – «Per un Paese migliore» – ha sottolineato il presidente dei commercialisti, Claudio Siciliotti, «esprime la volontà della categoria di avanzare proposte concrete per la fuoriuscita dall'attuale crisi». Il Congresso è, infatti, strutturato in dodici tavole rotonde. Quattro dedicate ai "progetti", quattro alle "idee" e quattro alle "esperienze".

I quattro progetti "chiavi in mano" verranno presentati dai commercialisti a Napoli. Il primo riguarda l'attribuzione di un upgrade costituzionale allo statuto del contribuente, per evitare le troppe norme retroattive in ambito tributario, ma anche la possibilità di vincolare a una maggioranza qualificata (dei due terzi del Parlamento) l'approvazione di un condono.

La seconda proposta riguarda l'istituzione di una procedura agevolata di accesso al credito da parte delle micro, piccole e medie imprese: in pratica, il conferimento ai commercialisti – previo accordo con Abi e Unioncamere che sarà siglato proprio a Napoli venerdì mattina – della possibilità di assegnare un "bollino blu" di certificazione della solidità patrimoniale e dei bilanci delle Pmi, cosicchè sia più facile e veloce l'apertura di credito. Si parlerà, poi, anche di società ad hoc per i liberi professionisti, come tassello preferenziale di una riforma del comparto che stenta a tradursi in un progetto compiuto. Infine, un progetto che preveda forme concorsuali di "fallimento" civile per tutti quei soggetti – singoli, famiglie, piccolissimi imprenditori – che, per natura, non possono dichiarare fallimento ma che, se sovraindebitati, rischiano di restare per anni legati alle loro passività pregresse senza riuscire a reinserirsi nel circuito imprenditoriale o nel ciclo dei consumi (da cui sono rimasti schiacciati).

Degli oltre 110mila commercialisti iscritti nei 143 Ordini territoriali, (oltre 30mila solo i praticanti), sono attesi a Napoli circa 3mila delegati.

A chiudere il congresso, sabato mattina, è atteso l'intervento dell'avvocato Umberto Ambrosoli (figlio di Giorgio Ambrosoli, il commissario liquidatore della Banca privata italiana di Michele Sindona che fu assassinato nel 1979 proprio da un sicario del banchiere siciliano). Una riflessione sull'etica e sul valore "responsabile" del professionista, nell'esercizio della sua attività.

 



Questo sito fornisce informazioni utili a:
persone indebitate, professionisti e non; chi ha problemi di accesso al credito bancario; chi è ricorso all'usura e cerca di liberarsene; chi, avendone i requisiti, debba fare richiesta di accesso al fondo di solidarietà e al fondo di prevenzione; e chi, avendone già fatto richiesta, voglia essere seguito attraverso l'iter burocratico.

Spot realizzato con il contributo della
Regione Lazio.



Attivo dal Lunedì al Venerdì

dalle ore 8.15 alle 16.30



Progetti, attività, legislazione ed iniziative della Regione Lazio per la lotta all'usura ed al sovraindebitamento nel territorio laziale.