Cosa devo fare se sono vittima di estorsione?

Stampa

COSA DEVO FARE SE SONO VITTIMA DI ESTORSIONE?

La cosa fondamentale da fare è denunciare SUBITO.  Una volta sporta denuncia è possibile, in base a quanto previsto dalla legge 44/99 chiedere un elargizione pari al danno subito a beni mobili o immobili, al mancato guadagno o a lesioni personali.

La domanda per la concessione dell’elargizione deve essere inviata alla Prefettura in cui si sono svolti gli eventi lesivi od il delitto, entro e non oltre 120 giorni dalla data della denuncia o da quando si ha conoscenza che dalle indagini preliminari sono emersi elementi tali da far ritenere che l’evento lesivo sia stato commesso ai fini dell’estorsione. Tale domanda può essere presentata da imprenditori, commercianti, artigiani o liberi professionisti, appartenenti ad associazioni di solidarietà, altri soggetti (terzi danneggiati) o dai superstiti.

Come detto queste persone possono chiedere un elargizione pari al danno subito, nonché una provvisionale nella misura massima del 70%.

Alla domanda, in cui dovranno essere indicati in che qualità si richiede l’elargizione, la data ed il luogo della denuncia, di non aver aderito o di non aderire più alle richieste estorsive e l’attività economica svolta al momento in cui si sono svolti i fatti, dovranno essere allegati i seguenti documenti:

Per essere aiutata e sostenuta nella presentazione della domanda, la persona può rivolgersi al Consiglio Nazionale del proprio ordine professionale, una delle Associazioni Nazionali di categoria, rappresentate nel C.N.E.L., una delle Organizzazioni antiracket iscritte presso le Prefetture. In questo caso alla domanda andrà allegata anche la dichiarazione di consenso dell’istante.

Come nel caso dell’usura, anche nel caso dell’estorsione può essere presentata contestualmente alla domanda di elargizione, anche la richiesta di Sospensione dei termini, che dà diritto, a partire dalla data del suo accoglimento, alla sospensione dei termini di scadenza ricadenti entro un anno dall’evento lesivo. In particolare: